Roma. Omaggio a Peppino De Filippo. Portò alto il nome della Patria nel mondo

Date:

Share post:

‘Prova generale’, ma la sua comicità spontanea e impacciata lo portò ad un contrasto con il fratello, e poi anche con Titina, e lo spinse a staccarsi dalla compagnia, fondandone una propria nel 1945, nella quale fu poi affiancato anche dal figlio Luigi. Il dissidio tra Peppino ed Eduardo, a causa del carattere duro ed autoritario di quest’ultimo, durò a lungo, appena addolcito dalla mediazione di Titina, tanto che i due si riconcilieranno solo molti anni dopo, durante la malattia di Peppino. La popolarità di Peppino De Filippo è indubbiamente legata al cinema e soprattutto alla collaborazione con Totò. La critica, che fu durissima con Totò, non fu ovviamente da meno nei confronti di Peppino, che ricevette l’unico Nastro d’argento come attore non protagonista, per ‘Totò Peppino e i fuorilegge’, nel 1956. Sebbene impegnato nel cinema a ritmi frenetici egli non abbandonò mai il palcoscenico; acquistò infatti una casa-teatro a Roma occupandosi anche della gestione del teatro delle Arti dal 1959 al 1969, e compiendo lunghe tournèe in giro per il mondo: nel 1956 fu in Sud America e in Spagna e nel 1963 a Parigi, dove riceve il premio della critica del Thèatre des Nations. Nel 1964 fu poi ospite a Londra per la World Theatre Season all’Aldwich Theatre e, dal ’65 al ’69, viaggiò tra Praga, Varsavia, Unione Sovietica, Jugoslavia, Svizzera, Portogallo, Spagna, Francia. Il grande Federico Fellini, che lo volle per il film “Luci del varietà” (1951) e per un episodio di “Boccaccio ’70” (1962) disse di lui “Peppino è stato senza dubbio una delle maschere più pure ed entusiasmanti della grande barca dei comici che era la Commedia dell’arte; un capocomico surreale e imprevedibile che qualsiasi teatro del mondo ci poteva invidiare tanto era particolare e seducente” Il Maestro Peppino De Filippo, fu fedele alla Patria, portò alto il nome della Patria nel mondo, per i suoi grandi meriti artistici Umberto II, Re d’ Italia dall’esilio lo volle insignire di una alta onorificenza. Gr.  Uff. Rodolfo ]]>

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Roma. Aveva abusato di una minorenne nell’ascensore della Metro. Arrestato egiziano di 22 anni

AgenPress – Ha abusato di una ragazzina di 16 anni nell’ascensore della metro di Roma. Per questo...

Ospedale Israelitico. Presentato il primo ambulatorio multidisciplinare dedicato alla salute delle donne

AgenPress – L’Ospedale Israelitico, da sempre attento alle esigenze di tutti e impegnato nella promozione della medicina...

Anzio. Grave incidente nella notte. Auto si schianta contro un albero: morte due ragazze di 21 e 22 anni

AgenPress – Due ragazze, entrambe ventenni, sono morte in un incidente stradale avvenuto questa notte ad Anzio,...

12 febbraio 2023 la data per le elezioni Regionali del Lazio

AgenPress. Il Presidente Vicario della Regione Lazio, Daniele Leodori, ha annunciato, con una nota indirizzata al Presidente...