Lombardia. Tangenti "sistema Caianiello", rinviati a giudizio Lara Comi e altri 60 imputati

Date:

Share post:

AgenPress – Oltre 60 imputati, tra cui l’ex eurodeputata di FI Lara Comi, l’ex vicecoordinatore lombardo ‘azzurro’ ed ex consigliere comunale milanese Pietro Tatarella e il consigliere lombardo e collega di partito Fabio Altitonante sono stati rinviati a giudizio a Milano, avendo scelto il rito ordinario nel procedimento a carico di oltre un centinaio di persone scaturito dalla riunione di quattro filoni dell’inchiesta ‘mensa dei poveri’ su un presunto “sistema” di mazzette, appalti, nomine pilotate e finanziamenti illeciti in Lombardia. A deciderlo è stato il gup Natalia Imarisio accogliendo la richiesta dei pm Silvia Bonardi, Luigi Furno e Adriano Scudieri. A processo, tra gli altri, il patron della Tigros Paolo Orrigoni, l’imprenditore Daniele D’Alfonso, l’ex dg di Afol metropolitana Giuseppe Zingale, tra gli Sto arrivando!estati di due anni fa, e il sindaco leghista di Gallarate Andrea Cassani. In tre sono stati prosciolti in quanto l’accusa di abuso di ufficio di cui rispondevano non è più prevista dalla legge come reato. Il dibattimento si aprirà il 18 novembre. Tra le parti civili i Comuni di Milano e Gallarate, Amsa, Accam spa e Afol. Il dibattimento si aprirà per 63 persone il 18 novembre davanti alla sesta sezione penale del Tribunale. Tra le parti civili i Comuni di Milano e Gallarate, Amsa, Accam spa e Afol. Dopo l’estate il giudice si pronuncerà sui cinque imputati che hanno chiesto la messa alla prova e su altri 27 che hanno presentato istanze di riti alternativi, tra patteggiamenti e processo in abbreviato. Tra coloro che puntano a patteggiare, oltre al deputato ‘azzurro’ Diego Sozzani, accusato di corruzione (al momento l’istanza non è stata presentata in quanto si sta cercando di concordare la pena con la Procura) ci sono le 11 persone che si sono giaà visti respingere l’istanza in fase di indagini preliminari dall’allora gip Maria Vicidomini, che aveva ritenuto incongrue le pene. Tra loro, c’è l’ex coordinatore di Forza Italia a Varese Nino Caianiello, ritenuto il presunto “burattinaio” del sistema: ha collaborato a lungo nell’inchiesta e avrebbe ricevuto il consenso dai pm per 4 anni e 10 mesi. ]]>

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Sanità, UGL: “Nei pronto soccorso del Lazio clima da far west. Non restare inermi di fronte alla violenza”

AgenPress. “Quello che si respira all’interno dei Pronto Soccorso degli ospedali del Lazio è un autentico clima...

Infezioni ricorrenti: al Bambino Gesù open day con visite e consulenze gratuite su prenotazione

Sabato 4 febbraio presso la sede di San Paolo, gli specialisti dell’Ospedale saranno a disposizione dei genitori...

Roma. Incidente, muoiono 5 ragazzi, un ferito. Procura di Tivoli apre un fascicolo

AgenPress –  La Procura di Tivoli ha avviato un fascicolo di indagine, al momento contro ignoti, in relazione...

Roma. Auto si ribalta più volte con sei ragazzi a bordo: cinque morti (tra i 21 e i 17 anni) ed un ferito

AgenPress – Cinque ragazzi sono morti dopo che l’auto sulla quale viaggiavano si è ribaltata più volte. Il sesto, rimasto ferito,...