Suicidio De Donno. Procura Mantova apre inchiesta. Colleghi, uomo di grande umanità

Date:

Share post:

AgenPress – La procura di Mantova ha deciso di procedere con ulteriori indagini, aprendo formalmente un’inchiesta sulla morte di Giuseppe De Donno, l’ex primario di pneumologia dell’ospedale Carlo Poma e padre del terapia anti covid con il plasma iperimmune. De Donno si sarebbe suicidato impiccandosi ed è stato trovato ieri dai familiari nella sua casa di Eremo di Curtatone, ma la procura vuole capire se nel suicidio possano esserci responsabilità di terzi. Ieri sera i carabinieri e il magistrato hanno sentito i familiari, la moglie e i due figli, mentre sono stati posti sotto sequestro i cellulari e il computer del medico. Di “vuoto incolmabile” parlando gli ex colleghi dell’ospedale Carlo Poma di Mantova e la direzione dell’Asst, definendolo “un professionista eccellente e di grande umanità”. In una nota la direzione della Asst di Mantova esprime il proprio cordoglio e si stringe attorno alla famiglia, sottolineando la recente decisione del professionista di lasciare la direzione della struttura complessa di Pneumologia per diventare medico di base. “Un percorso di cambiamento maturato – si legge – dopo il periodo più intenso e drammatico della pandemia, che ha visto De Donno dedicarsi con passione e abnegazione alla cura dei pazienti colpiti dal Covid. I colleghi hanno avuto modo di apprezzare il suo impegno , il suo desiderio di giustizia, il suo approccio profondamente umano e gli sono stati vicini, supportandolo nella scelta di lasciare la medicina ospedaliera». Anche l’equipe della Pneumologia e un gruppi di colleghi di altri reparti l’hanno voluto ricordare “per la sua completa abnegazione sia da medico che da primario, con un’attenzione quasi spasmodica alle necessità e al benessere dei pazienti non solo dal punto di vista clinico ma soprattutto umano”. De Donno viene ricordato anche dal punto di vista umano: “Giuseppe era a momenti solare e in altri ombroso, perché disilluso da qualcosa o indispettito o arrabbiato per non essere riuscito a fare quello che sperava per i pazienti; aveva dimostrato caparbietà nel periodo così drammatico della pandemia, ma che in parte lo ha profondamente logorato e stancato, come è accaduto a molti di noi e forse a lui più che a tutti. Speriamo – conclude la nota – che ora possa trovare quella pace e quella serenità che gli è mancata qui”. ]]>

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Sanità, UGL: “Nei pronto soccorso del Lazio clima da far west. Non restare inermi di fronte alla violenza”

AgenPress. “Quello che si respira all’interno dei Pronto Soccorso degli ospedali del Lazio è un autentico clima...

Infezioni ricorrenti: al Bambino Gesù open day con visite e consulenze gratuite su prenotazione

Sabato 4 febbraio presso la sede di San Paolo, gli specialisti dell’Ospedale saranno a disposizione dei genitori...

Roma. Incidente, muoiono 5 ragazzi, un ferito. Procura di Tivoli apre un fascicolo

AgenPress –  La Procura di Tivoli ha avviato un fascicolo di indagine, al momento contro ignoti, in relazione...

Roma. Auto si ribalta più volte con sei ragazzi a bordo: cinque morti (tra i 21 e i 17 anni) ed un ferito

AgenPress – Cinque ragazzi sono morti dopo che l’auto sulla quale viaggiavano si è ribaltata più volte. Il sesto, rimasto ferito,...