Uccide il figlio. Il Gip ha autorizzato Paitoni, ai domiciliari, a vederlo. Non c'era pericolosità sociale

Date:

Share post:

AgenPress –  Davide Paitoni, il 40 enne che il primo gennaio ha ucciso il figlio di 7 anni a Morazzone (Varese) e poi ha accoltellato la moglie, era stato autorizzato dal Gip a vedere il figlio anche se si trovava ai domiciliari con l’accusa di tentato omicidio per aver accoltellato un collega di lavoro il 26 novembre scorso. Lo dice presidente del Tribunale di Varese Cesare Tacconi. Sono due le denunce per maltrattamenti presentate contro Paitoni dalla moglie che si era trasferita a casa dei genitori a Gazzada Schianno (Varese). Gli stessi genitori lo avevano segnalato, tanto che in Procura a Varese sarebbe stato attivato il “codice rosso”. All’uomo, ai domiciliari per aver accoltellato un collega di lavoro il 26 novembre scorso e accusato di tentato omicidio, era stato però concesso di vedere suo figlio. A decretarlo è stato il Gip di Varese che ha convalidato la misura cautelare dei domiciliari, come richiesto dal pm. “L’ordinanza per i domiciliari- ha spiegato il presidente del Tribunale di Varese Cesare Tacconi – è stata firmata il 29 novembre, avvallando la misura richiesta dal magistrato che l’ha motivata con il pericolo di inquinamento probatorio, non con la pericolosità sociale, e il giudice non può aggravare la richiesta del pm”. Successivamente, ha proseguito il presidente del Tribunale, “l’avvocato difensore dell’indagato ha chiesto che gli fosse concesso di vedere il figlio e la moglie, dato che secondo ordinanza non avrebbe potuto avere contatti se non con i familiari conviventi, quindi il padre”. Il 6 dicembre “il Gip ha autorizzato l’uomo a vedere il figlio”. Relativamente alle denunce della donna e il codice rosso, Tacconi ha precisato “non vi sia in Tribunale alcuna pendenza a carico dell’uomo, quindi se le denunce ci sono sono ancora in Procura. Ho svolto tutti gli accertamenti del caso, tra i due non vi era alcuna separazione formale in corso, se mi sarà richiesto formalmente presenterò una relazione”. ]]>

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Sanità, UGL: “Nei pronto soccorso del Lazio clima da far west. Non restare inermi di fronte alla violenza”

AgenPress. “Quello che si respira all’interno dei Pronto Soccorso degli ospedali del Lazio è un autentico clima...

Infezioni ricorrenti: al Bambino Gesù open day con visite e consulenze gratuite su prenotazione

Sabato 4 febbraio presso la sede di San Paolo, gli specialisti dell’Ospedale saranno a disposizione dei genitori...

Roma. Incidente, muoiono 5 ragazzi, un ferito. Procura di Tivoli apre un fascicolo

AgenPress –  La Procura di Tivoli ha avviato un fascicolo di indagine, al momento contro ignoti, in relazione...

Roma. Auto si ribalta più volte con sei ragazzi a bordo: cinque morti (tra i 21 e i 17 anni) ed un ferito

AgenPress – Cinque ragazzi sono morti dopo che l’auto sulla quale viaggiavano si è ribaltata più volte. Il sesto, rimasto ferito,...