Omicidio Serena Mollicone. Pm: ad ucciderla fu Marco Mottola, il figlio del comandante Caserma

Date:

Share post:

AgenPress –  “L’autore dell’omicidio di Serena Mollicone è Marco Mottola”. E’ quanto ha affermato in un aula il pm di Cassino nel corso della requisitoria nel processo per la morte di Serena Mollicone, assassinata il 1 giugno del 2001 nella caserma dei carabinieri di Arce. Marco Mottola è uno tre imputati accusati di omicidio volontario e occultamento del cadavere assieme al padre, Franco, ex comandante della caserma e alla moglie Anna Maria. Gli altri due imputati sono il luogotenente Vincenzo Quatrale e l’appuntato dei carabinieri, Francesco Suprano. Alla responsabilità di Mottola, secondo l’accusa, “si arriva anche senza tenere conto della pur attendibile testimonianza di Tuzi” che aveva visto entrare la ragazza entrare nella caserma. Per il rappresentate dell’accusa il “cuore del processo” è legato alla porta della caserma contro cui è stata fatta sbattere la ragazza.   ]]>

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Fedriga: attrarre investimenti esteri, sosteniamo candidatura a Expo Roma 2030

AgenPress. “Per rendere più attrattivo il nostro Paese agli investitori esteri serve anche la condivisione degli obiettivi...

Collaborazione tra il Policlinico Militare di Roma “Celio” e l’Azienda Ospedaliera-Universitaria Sant’Andrea

Firmata al Policlinico Militare la convenzione per l’implementazione delle competenze cliniche del personale medico militare. Incrementata l’integrazione tra...

Le Ostetriche Italiane, riunite a Roma, danno vita al loro Coordinamento Nazionale della categoria

AgenPress. Hanno deciso di unire, finalmente, le proprie forze, ma soprattutto intendono fare in modo che tutti...

Battute e risate di Fedez sulla scomparsa di Emanuela Orlandi. Pietro, è immaturo, cosa c’è da ridere

AgenPress – Il caso è scoppiato quando è andata in onda una puntata di Muschio Selvaggio, il podcast che...