Multe. Cassazione, valide anche se elevate con Autovelox di ditte private per conto di un Comune

Date:

Share post:


AgenPress – Il fatto che i Comuni diano in appalto il servizio di autovelox a ditte private non è un buon motivo per chiedere l’annullamento delle multe dei guidatori sanzionati per eccesso di velocità, questo problema semmai riguarda “la validità della costituzione del rapporto tra l’ente locale ed il privato ma non ha incidenza sull’accertamento dei presupposti di fatto dell’accertamento eseguito tramite” gli apparecchi a noleggio.

Lo sottolinea la Cassazione confermando la validità di una multa emessa da un Comune sardo che paga alla ditta privata di nolo un corrispettivo di circa il 29% dei proventi delle sanzioni.

Con questo verdetto – sentenza 28719 depositata oggi dalla Seconda sezione civile -, la Cassazione ha respinto il ricorso di una guidatrice della Sardegna, la signora Patrizia M., difesa dall’avvocatessa Rossella Oppo del Foro di Oristano, contro la multa accertata dal servizio di polizia urbana del Comune di Arborea (Oristano) in base a quanto rilevato nel giugno del 2008 dall’autovelox Traffiphot omologato nel 2004.

Nel reclamo alla Suprema Corte, Patrizia M. ha sostenuto che “seppure la legge n.168 del 2002 consenta il rilevamento da remoto delle violazioni dei limiti di velocità, tuttavia ciò è ammissibile purché i dispositivi vengano gestiti sotto il diretto controllo dell’organo di polizia stradale”.

Invece, la violazione – ha insistito Patrizia – “non era stata accertata dagli agenti della Polizia Municipale, ma da addetti di società privata, cointeressata ai proventi delle sanzioni” in quanto “retribuita con un corrispettivo variabile del 29,10% collegato”.

A suo avviso, “la corresponsione di una percentuale degli introiti” avrebbe “trasformato il contratto di appalto in un contratto aleatorio in quanto il corrispettivo sarebbe stato condizionato da un ‘evento’, l’accertamento della sanzione, e non da un servizio effettivamente svolto, con conseguente indeterminatezza dell’oggetto”.

Inoltre, “la circostanza che la ditta fornitrice provvedesse anche alla taratura degli apparecchi avrebbe determinato un grave conflitto di interessi” in quanto “interessata ad attestare il regolare funzionamento degli apparecchi”.

Per la Cassazione, “la remuneratività del servizio in relazione ai proventi delle sanzioni amministrative non è rilevante dal momento che le violazioni devono essere accertate dalla Polizia Municipale, né sussiste alcun profilo di invalidità del verbale connesso al vincolo di destinazione dei proventi, per almeno la metà, a particolari finalità pubbliche” come prevede l’art. 208 del Codice della Strada.

 

 

 

L’articolo Multe. Cassazione, valide anche se elevate con Autovelox di ditte private per conto di un Comune proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

12 febbraio 2023 la data per le elezioni Regionali del Lazio

AgenPress. Il Presidente Vicario della Regione Lazio, Daniele Leodori, ha annunciato, con una nota indirizzata al Presidente...

“Ti mangiamo il cuore”. Le donne in piazza contro Giorgia Meloni. “Preparati a tremare, siamo libere di lottare”

AgenPress – Un grande striscione con scritto “Fascista Meloni noi ti farem la guerra” e “Ti mangiamo...

Roma. Violenza sulle donne: uno al mese registrato nel 2022 al Pronto Soccorso dell’Ospedale San Giovanni

Nel 2020, anno del lockdown, i casi di aggressione e di incidenti domestici contro le donne di età...

Anzio e Nettuno sciolti per mafia, Tirrito: “La politica faccia una riflessione seria su chi mette nelle liste elettorali”

AgenPress. “Lo abbiamo detto in tempi non sospetti, lo ribadiamo oggi che i consigli comunali di Anzio...