Afghanistan. Talebani torturano e uccidono 22enne gay e inviano video al compagno: “Sei il prossimo”

Date:

Share post:


AgenPress – Il rapimento, la tortura e l’omicidio di uno studente di medicina gay, che è stato fermato a un posto di blocco da uomini armati talebani, è l’ultima vittima di una serie di violenze contro la comunità LGBTQ+ dell’Afghanistan, avvertono i gruppi per i diritti umani.

La famiglia e il partner di Hamed Sabouri affermano che è stato detenuto a un posto di blocco a Kabul ad agosto e torturato per tre giorni prima di essere fucilato. Il video della sua esecuzione è stato poi inviato alla sua famiglia, che ora ha lasciato l’Afghanistan per la propria sicurezza.

“I talebani hanno assassinato Hamed e hanno inviato il video alla sua famiglia ea me”, ha detto Bahar, il partner di Sabouri. “La famiglia di Hamed è fuggita e io mi sono nascosto. Eravamo come qualsiasi altra coppia innamorata nel mondo, ma i talebani ci trattano come criminali. Hanno ucciso l’amore della mia vita e non so come vivrò senza di lui.

“Ho ricevuto di nuovo minacce dai talebani e ora sono in fuga. Ho molti amici della comunità LGBTQ+ qui in Afghanistan che hanno anche rapito e torturato. Sono stato arrestato dai talebani nell’agosto 2021 e di nuovo a maggio e giugno di quest’anno e sono stato violentato, picchiato e torturato con scosse elettriche”.

“La più grande paura che ogni persona LGBTQ+ in Afghanistan ha in questo momento è che diventino il prossimo Hamed Sabouri”, ha affermato Nemat Sadat, fondatore del gruppo per i diritti LGBTQ+ Roshaniya.

“Questa è stata la loro situazione da quando i talebani sono tornati al potere . La notizia della morte brutale di Hamed continua a mettere in crisi la nostra comunità, ma non lasceremo che la vita di Hamed vada invano. Continueremo a lottare per i diritti degli afgani LGBTQ+ di sfuggire all’esecuzione e vivere una vita lunga e felice in un paese libero”.

In una e-mail Haseeb Sabouri, il fratello di Hamed, ha confermato che la famiglia ha venduto le due case in Afghanistan e si è recata in Turchia. “Siamo fuggiti dall’Afghanistan a causa delle minacce e dell’omicidio di Hamed. Siamo fuggiti perché i talebani venivano a casa nostra ogni giorno per molestarci e minacciarci”.

L’articolo Afghanistan. Talebani torturano e uccidono 22enne gay e inviano video al compagno: “Sei il prossimo” proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Fratelli d’Italia Lazio: Bloccare nomine EGATO

AgenPress. Bloccare subito le nomine nei Consigli degli EGATO. Non è accettabile che la Sinistra Regionale dimissionaria...

Elezioni Regionali Lazio- Lombardia. Popolo e Libertà: unire il Centro non sovranista

AgenPress. Si è concluso a Modena il convegno nazionale dei ‘Popolari Liberali di ispirazione cristiana nel centrodestra’,...

Roma. Aveva abusato di una minorenne nell’ascensore della Metro. Arrestato egiziano di 22 anni

AgenPress – Ha abusato di una ragazzina di 16 anni nell’ascensore della metro di Roma. Per questo...

Ospedale Israelitico. Presentato il primo ambulatorio multidisciplinare dedicato alla salute delle donne

AgenPress – L’Ospedale Israelitico, da sempre attento alle esigenze di tutti e impegnato nella promozione della medicina...