Afghanistan. Il Gruppo amiche delle donne chiede la riapertura delle scuole femminili

Date:

Share post:


AgenPress – Il Gruppo delle amiche delle donne  con rappresentanti di 27 paesi, ha espresso profonda preoccupazione per la crescente “erosione del rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali delle donne e delle ragazze in Afghanistan da parte dei talebani”, inclusa la limitazione dell’accesso all’istruzione per le donne e ragazze.

Hanno invitato i “talebani a revocare immediatamente l’effettivo divieto all’istruzione secondaria femminile in Afghanistan”.

I membri chiedono ai talebani di revocare immediatamente l’effettivo divieto di istruzione secondaria per le ragazze in Afghanistan, in vigore da più di un anno. I membri sono profondamente preoccupati per gli sviluppi in cui le richieste della comunità hanno portato alla riapertura di alcune scuole secondarie femminili, per poi essere nuovamente chiuse con la forza dai talebani. Hanno sottolineato che la decisione dei talebani di escludere le ragazze dalle scuole non riflette i desideri e le richieste della maggioranza del popolo afgano e che rende l’Afghanistan l’unico paese al mondo che vieta l’istruzione secondaria per le ragazze.

Inoltre “richiedono al Rappresentante speciale del Segretario generale di continuare a impegnarsi con tutti gli attori politici e le parti interessate afghane, comprese le autorità competenti, su questo tema, in conformità con il mandato dell’UNAMA”.

Le scuole per le studentesse superiori al sesto anno sono rimaste chiuse per più di un anno e non c’è ancora una decisione definitiva al riguardo. 

Gli studenti hanno ripetutamente espresso preoccupazione per il loro futuro incerto. 

“Chiediamo che mantengano le loro promesse e riaprano le scuole femminili oltre il sesto anno”, ha detto uno studente.

“L’unica ambizione che abbiamo è la riapertura delle scuole femminili. Con la fine di ogni notte e quando arriva il mattino, penso che ora ci diranno di venire nella tua scuola”, ha detto uno studente.

L’Emirato islamico deve ancora commentare la dichiarazione del Gruppo delle amiche delle donne in Afghanistan, ma in precedenza ha affermato che i diritti umani sono garantiti in Afghanistan. 

“Un giorno di scuole chiuse avrà enormi effetti storici e intellettuali. Credo che le donne afghane abbiano capacità in molti settori, quindi non solo le scuole saranno riaperte, ma anche opportunità di lavoro dovrebbero essere fornite loro”, ha affermato Najibullah Jami, analista politico.

Il Gruppo delle amiche delle donne in Afghanistan ha sottolineato i risultati del Forum economico mondiale secondo cui vietare alle donne di lavorare nel settore pubblico e formale farà sì che il PIL dell’Afghanistan si contragga di un minimo di 600 milioni di dollari nell’immediato e le restrizioni all’occupazione femminile nel settore privato potrebbero portare a una perdita di produzione di $ 1,5 miliardi entro il 2024.

L’articolo Afghanistan. Il Gruppo amiche delle donne chiede la riapertura delle scuole femminili proviene da Agenpress.



Source link

Redazione
Redazione
Consapevoli che un’informazione imparziale ed obiettiva non esista, Agenpress sostiene che: “la notizia nasce vera, ma il giornalista la rende “falsa”.

Consigliati da Agenpress

spot_img

Articoli Correlati

Fratelli d’Italia Lazio: Bloccare nomine EGATO

AgenPress. Bloccare subito le nomine nei Consigli degli EGATO. Non è accettabile che la Sinistra Regionale dimissionaria...

Elezioni Regionali Lazio- Lombardia. Popolo e Libertà: unire il Centro non sovranista

AgenPress. Si è concluso a Modena il convegno nazionale dei ‘Popolari Liberali di ispirazione cristiana nel centrodestra’,...

Roma. Aveva abusato di una minorenne nell’ascensore della Metro. Arrestato egiziano di 22 anni

AgenPress – Ha abusato di una ragazzina di 16 anni nell’ascensore della metro di Roma. Per questo...

Ospedale Israelitico. Presentato il primo ambulatorio multidisciplinare dedicato alla salute delle donne

AgenPress – L’Ospedale Israelitico, da sempre attento alle esigenze di tutti e impegnato nella promozione della medicina...