HomeBreaking newsIndia. Il divieto di esportazione del riso potrebbe causare una crisi alimentare...

India. Il divieto di esportazione del riso potrebbe causare una crisi alimentare globale. Colpite le persone vulnerabili

Autore

Data

Categoria


AgenPress – Il 20 luglio, l’India ha vietato le esportazioni di riso bianco non basmati nel tentativo di calmare l’aumento dei prezzi interni in patria. Ciò è stato seguito da rapporti e video di acquisti dettati dal panico e scaffali di riso vuoti nei negozi di alimentari indiani negli Stati Uniti e in Canada, che hanno fatto salire i prezzi.

Esistono migliaia di varietà di riso che vengono coltivate e consumate, ma quattro gruppi principali vengono commercializzati a livello globale. Il sottile riso Indica a chicco lungo comprende la maggior parte del commercio globale, mentre il resto è costituito da riso profumato o aromatico come il basmati; la Japonica a grana corta, usata per sushi e risotti; e riso glutinoso o appiccicoso, usato per i dolci.

L’India è il principale esportatore mondiale di riso, rappresentando circa il 40% del commercio mondiale di cereali. (Thailandia, Vietnam, Pakistan e Stati Uniti sono gli altri maggiori esportatori).

Tra i maggiori acquirenti di riso ci sono Cina, Filippine e Nigeria. Ci sono “swing buyers” come l’Indonesia e il Bangladesh che aumentano le importazioni quando hanno carenze di approvvigionamento interno. Il consumo di riso è alto e in crescita in Africa. In paesi come Cuba e Panama è la principale fonte di energia.

L’anno scorso l’India ha esportato 22 milioni di tonnellate di riso in 140 paesi. Di questi, sei milioni di tonnellate erano di riso bianco Indica relativamente più economico. (Il commercio globale stimato di riso era di 56 milioni di tonnellate.)

Il riso bianco indica domina circa il 70% del commercio mondiale e l’India ha ora cessato la sua esportazione. Ciò si aggiunge al divieto dello scorso anno delle esportazioni di rotture di riso e al dazio del 20% sulle esportazioni di riso non basmati.

Non sorprende che il divieto di esportazione di luglio abbia suscitato preoccupazioni per i prezzi globali del riso fuori controllo. Il capo economista del FMI, Pierre-Olivier Gourinchas, ritiene che il divieto aumenterebbe i prezzi e che i prezzi globali del grano potrebbero salire fino al 15% quest’anno.

Più della metà delle importazioni di riso in circa 42 paesi proviene dall’India e, secondo l’Ifpri, in molte nazioni africane la quota di mercato dell’India nelle importazioni di riso supera l’80%.

Nei paesi asiatici più consumatori – Bangladesh, Bhutan, Cambogia, Indonesia, Tailandia e Sri Lanka, ad esempio – la quota del consumo di riso rispetto all’apporto calorico totale giornaliero varia dal 40% al 67%.

Questi divieti danneggiano maggiormente le persone vulnerabili perché dedicano una quota maggiore del loro reddito all’acquisto di cibo. L’aumento dei prezzi potrebbe costringerli a ridurre la quantità di cibo che consumano o passare ad alternative che non sono buone dal punto di vista nutrizionale o tagliare le spese in altri beni di prima necessità come l’alloggio e il cibo”. (A dire il vero, il divieto dell’India consente alcune spedizioni governative verso paesi sulla base della sicurezza alimentare.)



Source link

Consigliati da Agenpress